26 febbraio 2009

Riflessioni di Rob: riapriamo il caso 9/11

da Algodar
Noi cubani siamo abbastanza sospettosi a credere nelle cospirazioni.
La prima cospirazione che ricordo è quella degli inizi del '59 che diceva che Fidel era comunista. Certo, in seguito ci hanno spiegato che era una voce mal intenzionata. Solo nel '61 siamo venuti a sapere che era certo.

Per questo oggi prendo sempre le cospirazioni con una certa incredulità, per senza negarmi la possibilità di considerarle.
Ad esempio: la notizia che afferma che gli edifici del WTC sono stati abbattuti con esplosivo.
Non ho nessuna idea sul come, quando, chi e perchè posero dell'esplosivo (anche se esistono dei sospetti), però mi piacerebbe sapere come, ad esempio, si possa spiegare: la cinetica di caduta libera. Sembra che i piani inferiori non opposero nessuna resistenza. Il volume della nube dei gas. Sembra esagerato per essere prodotto solo dalla caduta delle torri. Sembra che nessun altro grattacielo si sia imploso così elegantemente a casua di un incendio.
Chi è interessato a questo tema raccomando questo sito, tra i molti altri.

Da tempo seguo il caso 9/11. Molte sono state, e continuano ad essere le perplessità, i dubbi, ed infine la quasi certezza del coinvolgimento dell'amministrazione Bush negli attacchi "terroristici" alle torri e al pentagono. Una organizzazione in particolare REOPEN 911.ORG, tra molte altre, continua a denunciare le verità occultate, ancora oggi, sui reali avvenimenti che portarono all'attacco.
Rob Ferranti

3 commenti:

nino ha detto...

certo è che si tratta di una storia che il governo usa non ha mai chiarito! Come è possibile infatti che il 7° edificio, lontano dalle 2 torri almeno 300 metri, sia crollato come queste per implosione, quando i fuochi sviluppatisi erano piccoli? Come è possibile che vicino al pentagono non ci fossero i corpi dei presunti passeggeri dell'aereo, ma le carte di identità degli attentatori? Perchè dell'aereo caduto non ci sono nè i suoi resti nè quelli dei passeggeri? Queste sono storie talmente incredibili, che non stanno in piedi. Proprio come il proiettile magico, che ammazzò kennedy, ferì il governatore del texas e un uomo della scorta, senza deformarsi.Queste sono le verità che l'impero americano ci vuole propinare, pensando che siamo proprio fessi.

Roberto Ferranti ha detto...

In questo senso gli USA (o per meglio dire le varie lobbies economiche che negli anni si tramandano il potere, dall'indipendenza in poi) sono davvero "il grande diavolo" da isolare, eliminare, per un sostanziale cambiamento globale.

nino ha detto...

bob, gli unici in grado di eliminare l'impero usa sono gli stessi usa. Non voglio dire che dopo gli accadimenti di questi ultimi mesi, gravissima crisi economica, ci stanno riuscendo, ma ce la stanno mettendo tutta.